Salone Internazionale del Libro di TorinoSalva
Notizie dal Salone

34. Lingua Madre rende omaggio al Caucaso meridionale - Dall’Armenia: Sonya Orfalian

Comunicato n. 34 - 15 maggio 2009

Artista, scrittrice e traduttrice, Sonya Orfalian è figlia della diaspora armena ed è nata cinquant'anni fa in Libia. Ha dedicato gran parte della propria attività letteraria ed editoriale al ricchissimo patrimonio culturale e alle antiche tradizioni della sua gente.

In collaborazione con Slow Food, alla Fiera del Libro presenta La cucina d'Armenia, viaggio nella cultura culinaria di un popolo. Un'opera monumentale in cui sono custodite, insieme a 130 ricette, le radici e le ramificazioni di una cultura millenaria tanto più meritevole di essere catalogata e raccontata in quanto offesa, misconosciuta e strappata dalla propria terra d'origine.

"Orfalian, con questo libro, ha svolto un'opera che le ha consentito di scavare a fondo nella memoria dolorosa di questo popolo - afferma Carlo Bogliotti di Slow Food - compiendo un viaggio alla ricerca delle proprie identità e delle proprie radici".

La cucina è da sempre, attraverso i piatti tradizionali, la loro preparazione e la loro esecuzione, un modo per ricordare la propria terra. "Questo libro è frutto di ricerche e di una lunghissima serie di testimonianze che ho raccolto nel corso degli anni tra parenti e amiche armene". La mia famiglia si allontanò dall'Armenia dopo la guerra con la Turchia e i miei nonni si trovarono improvvisamente apatride, ovvero senza patria". La scrittrice ci tiene a usare questo termine con cui, in francese, si definiscono le persone che non hanno più un Paese a cui appartenere. "Non vi sono altre lingue che rendono precisamente l'idea, è qualcosa di più forte di quello che nella vostra terra si direbbe un semplice rifugiato politico: è non sentirsi più parte di qualcosa, è la non appartenenza a un luogo, qualcosa di molto più drammatico".

La scrittrice parla della necessità di questo testo, delle affinità che la cucina del suo Paese ha con la cucina mediterranea, ma anche delle contaminazioni con i piatti georgiani e turchi. Con La cucina d'Armenia, Orfalian restituisce attraverso la scrittura "una serie di cose che sembravano perdute, un recupero delle tradizioni, un omaggio ai miei nonni. L'ho vissuta come la ricostituzione di un bosco raso al suolo dalla guerra, un viaggio nel passato per capire il presente, un modo per poter ritornare nella mia terra, nella mia casa, nella mia patria".

Arena Piemonte, ore 16.00, venerdì 15 maggio 2009
Isabella Novelli

 

 

Promosso da
Soci fondatori
Soci fondatori
Soci fondatori
Soci fondatori
Soci fondatori
Con il sostegno di
Con il sostegno di
Con il sostegno di
Con il sostegno di
Con il sostegno di
Con il sostegno di
Con il sostegno di
Main Partner
Main Partner
Sponsor
Sponsor
Sponsor
Sponsor
Sponsor
Sponsor
Sponsor
Sponsor
Sponsor
Sponsor
Sponsor
Sponsor
Sponsor
Sponsor
Sponsor
Sponsor
Sponsor
Sponsor
In collaborazione con
In collaborazione con
In collaborazione con
In collaborazione con
In collaborazione con
In collaborazione con
In collaborazione con
In collaborazione con
In collaborazione con
In collaborazione con
In collaborazione con
In collaborazione con
In collaborazione con
In collaborazione con
In collaborazione con
In collaborazione con
In collaborazione con
In collaborazione con
In collaborazione con
In collaborazione con
In collaborazione con
In collaborazione con
In collaborazione con
In collaborazione con
In collaborazione con
In collaborazione con
In collaborazione con
Charity partner
Charity partner
Charity partner
Charity partner
Media partner
Media partner
Media partner
Media partner
Media partner
Media partner
Media partner
Main Media partner
Main Media partner
Altre collaborazioni
Altre collaborazioni
Altre collaborazioni
Altre collaborazionie
Altre collaborazioni
Altre collaborazioni
Altre collaborazioni
Altre collaborazioni
Altre collaborazioni
Altre collaborazioni
Altre collaborazioni
Altre collaborazioni
Altre collaborazioni
Altre collaborazioni
Altre collaborazioni
Altre collaborazioni
Altre collaborazioni
Altre collaborazioni
Altre collaborazioni
Altre collaborazioni
Altre collaborazioni