salone2017 gipi30Salva
News

Salone e Cardioteam Onlus insieme per la prevenzione: i primi 300 biglietti donati a soggetti deboli

IMG 1771 light

La cultura della prevenzione della salute - molto indietro in Italia rispetto al Nord Europa - trova uno stimolo e una vetrina internazionale all'interno del 30° Salone Internazionale del Libro di Torino grazie alla collaborazione con Cardioteam Foundation, Onlus con profilo internazionale nata a Torino nel 2008 che si occupa di prevenzione e diagnosi precoce di infarto, ictus e altre malattie cardiovascolari, come l’aneurisma dell’aorta ascendente. È questo l’obiettivo dell’accordo fra Cardioteam Foundation Onlus e Salone Internazionale del Libro presentato venerdì 3 marzo 2017 dal presidente della Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura, Mario Montalcini, e dal presidente di Cardioteam Foundation Onlus, il cardiochirurgo Marco Diena, all’Assessora alle Politiche Sociali della Città di Torino, Sonia Schellino.

La partnership tra Cardioteam e il Salone del Libro ha preso avvio a dicembre 2016 con l’acquisto di 1.000 biglietti della manifestazione. «Cardioteam - ha spiegato il Presidente Mario Montalcini - ha aperto la strada all'acquisto di biglietti da parte di realtà del no profit e di aziende a favore ci fasce deboli della popolazione. In questo mondo 4.0 in cui il pubblico non riesce più a erogare i livelli di welfare del passato, questo è un bell'esempio di "secondo welfare" erogato dalle aziende private».

Spesso, infatti, sono proprio la povertà e la fragilità socio-economica e culturale a determinare maggiore esposizione a rischi e malattie. Ha spiegato Marco Diena: «La prevenzione è percentualmente più importante delle cure per ridurre l'incidenza delle malattie cardiovascolari, che vedono tuttora l'infarto prima causa di morte in Italia e l'ictus prima causa di invalidità permanente. Fra 1980 e il 2000 si sono registrate 40mila morti in meno per malattie cardiovascolari: il 58% grazie alla prevenzione e solo il 42% per effetto delle cure. Ma proprio le persone più svantaggiate sono quelle più a rischio. E noi ci rivolgiamo proprio a loro».

I 300 biglietti del Salone sono stati donati simbolicamente all'assessora Sonia Schellino, che con il suo staff ha individuato i soggetti ai quali saranno consegnati: «Pensiamo soprattutto ai ragazzi ospiti delle comunità, ai minorenni stranieri non accompagnati, alle famiglie in stato di bisogno. A loro è rivolta l'opera di prevenzione che Cardioteam svolgerà al Salone».

Cardioteam sarà presente infatti sul piazzale del Lingotto con il suo Cardiobus, un camper attrezzato dove vengono effettuate gratuitamente visite all'apparato cardiocircolatorio ed ecocardiogrammi. E nel programma del Salone offrirà due workshop, dedicati proprio ai temi dell'alimentazione sana come base della prevenzione e al nuovo Welfare aziendale.

Cardioteam ha in corso di definizione i percorsi per la consegna dei restanti biglietti acquistati, grazie ad interazioni e intese con Onlus del territorio.

Scarica il comunicato stampa:

icon Cardioteam e Salone Internazionale del Libro (524.13 kB).