Salone Internazionale del Libro di TorinoSalva
News multimediali
Camilla Cupelli
Camilla Cupelli @catri_zia
Redazione Salone del Libro

Aneddoti e risate per i fumettisti del Bao Pride

Quattro disegnatori, un produttore, una sala piena e tante risate. Questi gli ingredienti del Bao Pride che ha visto sul palco Zerocalcare, Leo Ortolani, Giacomo Bevilacqua, Daniel Cuello e Michele Foschini. "Su Repubblica hanno scritto che è molto bello vedere quattro che fanno i disegni riempire una sala del Salone - ha detto Foschini - e lo dobbiamo a voi, al pubblico, grazie".

"Iniziamo dalle cose più assurde che vi hanno chiesto di disegnare" ha chiesto inizialmente Foschini, aprendo un filone che ha accompagnato tutto l'incontro. "Una una volta mi hanno chiesto un esercito di nani da giardino che lottava contro un demone" ha ricordato Giacomo Bevilacqua un po' sconcertato - E poi soggetti po' volgari, soprattutto per 'A panda piace'" ha aggiunto.

"Anche a me è capitato - ha detto Leo Ortolani - ma forse va meglio: disegno persone sotto le coperte e ci metto di meno" ha detto ridendo. A Zerocalcare invece sembra non sia mai successo, e al neopubblicato Cuello? "Adesso ho paura che se ne parliamo troppo, chiederanno volgarità anche a me". 

Ma c'è di peggio: "Un uomo una volta mi ha chiesto un ritratto del figlio neonato, e poi di montargli il volto sul corpo muscoloso di Batman: mi è sembrato un po' morboso" ha riso Zerocalcare. Ma forse l'aneddoto più divertente è stato quello di Bevilacqua: "Al Romix, dove ho trovato veramente follie, uno mi ha chiesto 'ma 'sto panda di A panda piace che animale è?'".

Poi, è stato ancora Zerocalcare a ricordare un episodio curioso: "Per qualche tempo alcune mamme mi hanno chiesto di portare cose ai loro figli fuori sede nella città dove sarei stato la settimana dopo. Ma quando uno mi ha detto 'ma io lavoro, vieni tu a portarlo a casa mia' ho pensato fosse il caso di smettere". E ancora: "Alcuni ti dicono 'dovresti fare un fumetto su di me' - ha aggiunto Giacomo Bevilacqua - e se ti va bene finisce lì, se no ti dice anche 'adesso ti dico perché', e dice solo banalità".

All'incontro, infine, sono state annunciate in diretta alcune novità: "Zerocalcare sta iniziando a disegnare il libro che dovrebbe uscire a fine anno. Kobane Calling è stato venduto in sette nazioni diverse e comparirà anche in Brasile. Cuello, invece, tu non lo sai ma stanotte ti ho venduto in Spagna" ha detto Michele Foschini. "Giacomo Bevilacqua, invece, tra due settimane facciamo la seconda ristampa del tuo libro". Insomma, una Bao Publishing che non si ferma mai.