salone2017 gipi30Salva

Match. Letteratura vs arte, con Manara, Daverio, Pericoli, Montesano...

 milo manara

Il rapporto fra immagini scritte e dipinte, graphic novel, fotografia e reportage

Andare “oltre il confine” spesso significa abbattere barriere di genere, sconfinare in territori fino a poco tempo prima considerati invalicabili: in questo i movimenti artistici si sono sempre dimostrati all’avanguardia, operando una commistione con altre forme di linguaggio.

Per la sua trentesima edizione, il Salone Internazionale del Libro di Torino percorrerà tracciati raramente battuti e lo farà schierando in campo i due avversari per antonomasia: letteratura e arte. Una singolar tenzone che si svolgerà attraverso il ciclo di confronti-scontri “Match. Letteratura vs Arte” che vedrà schierati nello Spazio Autori rispettivamente, Tullio Pericoli vs Giuseppe Montesano (venerdì 19 maggio) per una discussione tra chi salda letteratura e pittura e chi riattraversa le arti; Emilio Isgrò vs Emanuele Trevi e Alessandro Bergonzoni (sabato 20 maggio) in un appassionato confronto tra chi racconta immagini dipinte e scritte, chi cancella parole e chi inventa parole-immagini. Si prosegue con Marcello Jori vs Melania Mazzucco (domenica 21 maggio) per un dibattito tra chi ha creato un museo immaginario, la seconda, e chi ha ridipinto la storia dell'arte, il primo.

Milo Manara, uno dei grandi protagonisti del fumetto europeo, si racconta in un appuntamento imperdibile sabato 20 maggio: dalle opere che l’hanno reso celebre tra tutti gli amanti della letteratura disegnata, ai sodalizi artistici, da Federico Fellini a Hugo Pratt ad Alejandro Jodorowsky, fino ai viaggi che l’hanno formato. Lo stesso giorno l’appuntamento BAO Pride con quattro celebri voci a fumetti. Zerocalcare, Leo Ortolani, Giacomo Bevilacqua e Daniel Cuello incontrano i lettori e si confrontano sui rispettivi modi di fare satira, comicità, ironia. Ad indicare quali sono I graphic novel da leggere a vent’anni saranno, sempre sabato, gli illustratori Manuele Fior e Ratigher, a partire dall’omonimo libro: un percorso tra titoli e opere memorabili che, specie nell’ultimo decennio, hanno arricchito il linguaggio, i temi e i personaggi, gli stili e i lettori dell’arte dei comics.

Di sconfinamenti compiuti dall’arte nel corso del Novecento racconta domenica 21 maggio Philippe Daverio nell’accattivante lectio Parade di Picasso o gas mostarda? Dal Secolo spezzato delle avanguardie alle Stanze dell'armonia, un viaggio lungo cent’anni di continue osmosi da un artista a un altro, da una forma d’arte a un’altra. Spazio anche alla fotografia, grazie all’appuntamento di domenica con il fotoreporter Giulio Piscitelli in dialogo con Alessandro Leogrande a partire dai lavori del primo confluiti in Harraga: vite e immagini di chi brucia le frontiere. Le storie dei migranti provenienti dai paesi arabofoni pronti a bruciare i propri documenti, pur di evitare il rimpatrio, simbolo di un’umanità pronta a tutto pur di inseguire il miraggio dell’Occidente.

Al mondo del segno, del disegno, dell'illustrazione e della narrazione per immagini sono dedicati inoltre gli appuntamenti per bambini in programma all’Arena Bookstock: da Igort, venerdì 19 maggio, a Tuono Pettinato in un dialogo con Chiara Gamberale, domenica 22, passando per i trent’anni di Dylan Dog, sempre domenica, e l’incontro con Federico Taddia su Topolino. E ancora: Maicol e Mirco, venerdì 19 maggio e un focus sull’opera di Hugo Pratt, domenica 22 maggio. Molti saranno gli illustratori internazionali che graviteranno durante la cinque giorni del Salone nello spazio Bookstock: da Suzy Lee (Corea del Sud) ad Aaron Becker (Usa), passando per Stephanie Blake (Francia), Steve Antony (Inghilterra), i fiamminghi Melvin e Boonen, António Jorge Gonçalves (Portogallo), fino a Sergio Ruzzier, italiano che vive e lavora negli Stati Uniti: un vero e proprio giro del mondo che condurrà i giovani lettori oltre i confini della parola.