XXX Salone internazionale del Libro di Torino

I numeri del Salone 2011

1.300 INCONTRI E PRESENTAZIONI EDITORIALI

74.000 SPETTATORI AD EVENTI E INCONTRI

6.900 INCONTRI B2B ALL'INTERNATIONAL BOOK FORUM

700 OPERATORI PROFESSIONALI PER L'INTERNATIONAL BOOK FORUM

2.728 GIORNALISTI ACCREDITATI

2.043.088 PAGINE WEB VISUALIZZATE NEI GIORNI PRECEDENTI E DURANTE IL SALONE

230.000 UTENTI SINGOLI SUL SITO SALONELIBRO.IT

Salone Internazionale del Libro 2011: un primo bilancio

Oval, missione compiuta

salonelibro campagna 2011E alla fine, il pubblico ha promosso l’Oval. Le cautele della vigilia si sono sciolte di fronte al vero e proprio assalto che i visitatori del Salone hanno dato nel week end al padiglione che ha ospitato il Bookstock Village, la mostra 1861-2011. L’Italia dei Libri, il Padiglione Italia con le Regioni italiane, gli stand delle Istituzioni e Libro e cioccolato. Riuscita l’operazione di collegarlo ai padiglioni 1, 2, e 3 di Lingotto Fiere attraverso il camminamento coperto dal Padiglione 3. E unanime l’apprezzamento per la bellezza architettonica della struttura espositiva.

Confermato il positivo trend di pubblico dello scorso anno. Il Salone è stato inaugurato giovedì 12 maggio 2011 dal Sottosegretario per i Beni e le Attività Culturali Francesco Maria Giro. Ha visto la partecipazione del ministro per i Beni e le Attività Culturali Giancarlo Galan.

Nel corso del Salone il presidente Rolando Picchioni ha lanciato l’idea che il Salone di Torino possa diventare capofila del progetto Le Città del Libro: un network, una rete che unisca le città italiane sede di festival letterari e di fiere librarie, come Mantova, Bologna, Napoli, Sarzana, Modena e altre. Il progetto potrebbe trovare incardinamento ideale nel Centro per il Libro, promosso dal Mibac e presieduto da Gian Arturo Ferrari, che troverà sede probabilmente nel Castello di Moncalieri.

A conclusione del Salone 2011 il testimone della Presidenza dell’Alto Comitato di Coordinamento della Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura passa dal presidente della Regione Piemonte Roberto Cota al presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta.

L’appuntamento è per il mese di maggio 2012 con il Salone Internazionale del Libro numero 25. Paese ospite candidato, la Spagna.

150 anni di libri: da Oceano mare alla Costituzione, a ciascuno il suo...

Nel bene e nel male, ammirata e criticata, esaltata o fraintesa, è stata sicuramente l'attrazione dell'Oval e del Salone 2011. Stiamo parlando della mostra 1861-2011. L'Italia dei Libri, l'iniziativa del Salone Internazionale del Libro per le celebrazioni del 150° dell'Unità d'Italia.

La mostra è stata curata da Gian Arturo Ferrari, presidente del Centro per il libro e la Letteratura e da un Comitato Scientifico e un Comitato Esecutivo che hanno individuato temi, opere, autori, e indirizzi espositivi. Soddisfazione da parte degli organizzatori, con un'altissima presenza di pubblico, soprattutto sabato e domenica. Sorprendente l'interesse dei giovanissimi: sono venute molte scuole e i ragazzi erano meravigliati dalla varietà del patrimonio letterario espresso dal nostro Paese.

Una mostra di parole e immagini, ma anche di oggetti, musiche e chicche che sembravano sepolte, dove ognuno ha trovato una parte di sé: dalla bicicletta di Don Camillo al banco di scuola dei tempi di Cuore alla colonna sonora del Pinocchio tvdi Luigi Comencini.

Naturalmente, protagonisti sono stati i 150 libri, e in particolare i 15 Super Libri che hanno cercato di raccontare al meglio il nostro Paese.

I visitatori del Salone hanno potuto dire la loro su questa selezione, votando la loro personale classifica nelle quattro diverse «elezioni» proposte al Salone anche attraverso i tanti media partner.

  • La prima è quella del Sedicesimo Libro, l'iniziativa lanciata nello spazio multimediale di Telecom Italia, per aggiungere ai 15 Super Libri in esposizione un titolo, scelto dai visitatori tramite il touchscreenal centro della mostra stessa. Al primo posto si è classificato Oceano Mare di Alessandro Baricco, superando autorifondamentali o popolarissimi della letteratura italiana come Alessandro Manzoni, Nicolò Ammaniti, Elsa Morante e Dacia Maraini. Fuori concorso, l'opera straniera più votata è stata invece Siddharta di Herman Hesse.
  • Fra i 15 Super Libri della mostra, il pubblico degli ascoltatori di Radio24 ha scelto i magnifici tre: al primo posto Pinocchio di Carlo Collodi, al secondo Don Camillodi Giovanni Guareschi, terzoil Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa
  • Anche Fahrenheit di Radio Rai 3 ha invitato gli ascoltatori a indicare via mail o sms il loro libro preferito, al di fuori di quelli selezionati per la mostra. Sul podio: al primo posto Pier Paolo Pasolini con Scritti corsari; al secondo La luna e i falò di Cesare Pavese; terzo classificato L'affaire Moro di Leonardo Sciascia.
  • E in tutta Italia 164 librerie Giunti, dall'Associazione Italiana Biblioteche e da alcune scuole hanno indetto dal 1° marzo al 15 aprile consultazioni che hanno fruttato oltre 10.000 schede. Non solo sugli ultimi 150 anni. La classifica: Alessando Manzoni ha la meglio su Dante Alighieri, nella top ten figurano due classici per ragazzi come Pinocchio e Cuore; la prima donna è Elsa Morante con La Storia (quindicesimo posto). Buon piazzamento anche per la Costituzione Italiana, 24° su 150 posizioni.