Il grecista Armand D’Angour ci porta indietro nel tempo e nello spazio, fino ai piedi dell’acropoli di Atene nel suo momento di massima fioritura. Tra le strade di questa mitica città, mai così vivida, incontreremo finalmente e per la prima volta il giovane Socrate: irresistibile scavezzacollo restio a proseguire l’arte paterna di scalpellino, cultore di musica in viaggio a Samo con l’insegnante Archelao, agile lottatore ed eroe di guerra che nella battaglia di Potidea porta in salvo l’amato Alcibiade. Ma non è tutto: una scia di indizi conduce D’Angour a scoprire persino uno spiazzante Socrate innamorato di Aspasia di Mileto, futura compagna di Pericle, dietro cui potrebbe nascondersi Diotima, la fascinosa etera del Simposio, «maestra di cose d’amore» e ispiratrice dell’amore più grande, la philosophia.

Perchè è il libro adatto a questo tema? Socrate coltivò una speciale amicizia con Aspasia ed ebbe un legame profondo con il suo discepolo Alcibiade il Giovane. Ma a chi appartenne dunque il suo cuore? Leggi e scopri ........