Annalisa Guglielmino, Il mondo che (non) vorrei

Un'edu-fiction sull'ambiente scritta e pensata per sensibilizzare i più piccoli sul tema della difesa dell'ambiente e del rispetto della natura. La storia è ambientata nell'immaginaria Belposto, piccola cittadina il cui sindaco ha deciso di spostare tutta la cittadinanza su un nuovo pianeta appena scoperto. A differenza della Terra che è inquinata e sporca, Zero è ancora inabitato pulito e pronto ad accogliere gli umani. Ma il piccolo Bruno, insieme alla super nonna Elsa, si rifiuta di partire: lancia un appello e, aiutato da quattro personaggi che arrivano da altrettante zone inquinate del mondo, mette su uno spettacolo per far capire che, sebbene in serio pericolo, la Terra può ancora essere salvata rispettando la natura e prestando attenzione anche ai piccoli gesti quotidiani. La cosa che rende molto particolare questo libretto è che la narrazione fantastica si intreccia a pillole di informazione, consigli su azioni quotidiane per evitare di inquinare ma anche curiosità sull'ambiente, sul clima, sugli animali a rischio e addirittura degli eco-rap, poesie "ecologiste" in rima pensate per essere rappate.

Perché è il libro giusto da leggere in vacanza?

Perché è un tema di grande attualità (ed importanza!) molto caro soprattutto ai ragazzi che – grazie anche alla scuola – stanno sviluppando sempre più una vera coscienza ambientale. La storia è raccontata in un modo allegro e leggero, ma con inserti divulgativi e consigli da mettere in pratica anche, perché no, già durante le vacanze.