Salone Internazionale del Libro di Torino 2019

I numeri del Salone 2015

Incubatore: il futuro dell’editoria è qui

Aprirsi al confronto, allacciare nuovi contatti, testare sul campo la validità delle proprie strategie editoriali. È quanto accaduto all’Incubatore, luogo che gli editori stessi hanno descritto come il contesto ideale dove iniziare un percorso di crescita professionale. L’area del Salone rivolta alle case editrici indipendenti con meno di 24 mesi di vita si è confermato un progetto di successo e ha chiuso con ottimi risultati. Sono state ben 31 le realtà protagoniste della nona edizione, il secondo risultato migliore in assoluto nella storia del progetto (solo nel 2009 furono di più, 32).

Gli editori dell’area hanno partecipato con grande interesse ai quattro appuntamenti Striscia Business, confrontandosi con i professionisti del settore al fine di individuare le strategie migliori per la vendita – offline e online – distribuzione, promozione e comunicazione. “Avere a disposizione in sala professionisti esperti disponibili a condividere le loro esperienze e a dare consigli utili e concreti è stato molto importante e stimolante” ha raccontato Grazia Dell’Oro di Emuse, che sta valutando un ritorno al Salone nell’area di Book to the future, vista la natura prevalentemente digitale della casa editrice. Anche Gabriella Gianotti di Amargine Edizioni si è detta molto soddisfatta della partecipazione all’Incubatore: “Un’esperienza da ripetere. Ho preso contatti con persone che non avrei mai pensato e ho trovato nuove idee e nuovi stimoli. Inoltre la disponibilità e il supporto ricevuto dall’organizzazione hanno fatto la differenza”.

Segnale positivo anche per quanto riguarda le vendite per Amargine Edizioni, con Olivetti il libro di Lucia Rossetti andato a ruba. Ottimo riscontro inoltre per le pubblicazioni dedicate ai bambini: Carlino nel regno dei 4 elementi di Lucia Frandi è uno dei titoli più venduti di Sidebook Edizioni, insieme alla collana di gialli e La stazione senza nome di Arnaldo Chisari, molto apprezzato per le illustrazioni realizzate dallo stesso autore. Molti i consensi raccolti dalle avventure di Pantherilly edite da La Piccolina, storie illustrate pensate per le ragazzine. “Siamo rimasti molto colpiti dall’apprezzamento ricevuto, alcune ragazze sono tornate apposta al nostro stand per acquistare il libro alla fine della loro visita, alcune ci hanno già inviato commenti entusiasti della lettura” ha spiegato Diego Dallosta, che per la presentazione in sala Incubatore ha coinvolto una scuola di teatro per mettere in scena e dare voce a Pantherilly e le sue amiche.

Tra gli altri incontri, sold out per la presentazione del libro Sulle tracce di Hitler di Abel Basti edito da Eden: “Un risultato inaspettato di cui siamo molto contenti – ha spiegato Federica Punzone - Il libro aveva ottenuto ottimi risultati in Argentina ma non potevamo immaginare un riscontro così positivo, riportiamo a casa appena una manciata di copie”.

Voltapagina, Roberto Saviano con i detenuti di Saluzzo

Per il nono anno i grandi autori del Salone internazionale del libro sono entrati in carcere. Il progetto Voltapagina, nato nel 2007, e organizzato in collaborazione con il Ministero di Grazia e Giustizia, ha visto la partecipazione di circa 200 detenuti di quattro istituti di pena. Anche quest’anno sono stati coinvolti la casa di reclusione Rodolfo Morandi di Saluzzo, la casa circondariale Quarto inferiore di Asti, la casa di reclusione San Michele di Alessandria e l’istituto penale per minorenni Ferrante Aporti di Torino.

Sono stati sei gli autori che hanno incontrato i detenuti e il pubblico esterno: Antonio Moresco (carcere di Alessandria), Mauro Corona (Torino), Franco Di Mare (Asti), la scrittrice danese Helle Helle (Torino), Roberto Saviano e l’educatore Paolo Belotti (Saluzzo).

Grande successo ha suscitato in particolare l’incontro di Roberto Saviano a Saluzzo. Con i detenuti Saviano ha parlato dell’importanza della conoscenza e della lettura per comprendere la realtà intorno a noi e per aiutare la sconfitta delle mafie: “Il carcere è e deve essere recupero – ha spiegato l'autore di Gomorra - Mi dispiace vedere i dati in cui il carcere sembra solo tenere ferme le persone in detenzione: un Paese vince e difende se stesso quando non si vendica ma trasforma. Un Paese che punisce dimostra invece una grande debolezza”.

La direttrice del carcere di Asti, Elena Lombardi Vallauri ha invece commentato: “Le nostre esperienze con gli autori sono state ricche di contenuti e di speranza che il cuore e la mente delle persone possano veramente essere volte a migliorare questo mondo”.

Piemonte: Paesaggi, Storie, Meraviglie

‘L’Italia, Salone delle Meraviglie’ recitava quest’anno lo slogan del Salone Internazionale del Libro di Torino; tra queste meraviglie non poteva mancare quello scrigno di tesori paesaggistici e naturali situato nella nostra Regione. Piemonte: paesaggi, storie, meraviglie’ è stato lo spazio che ha illustrato i punti di forza e le prospettive future del paesaggio e della cultura del paesaggio del Piemonte.

L’iniziativa è stata curata dall’Aiapp (Associazione Italiana Architetti del Paesaggio)e dell’Uncem (Unione Comuni e Comunità Montane) di Piemonte e Valle d’Aosta. Ed è stato proprio Marco Bussone, vicepresidente dell’ UNCEM a tracciare un bilancio delle giornate del Salone.

“Il bilancio è del tutto positivo – ha sottolineato Bussone – segno che la tutela del paesaggio, la sua valorizzazione e il suo rilancio in chiave architettonica e culturale è un aspetto di grande interesse”. Accanto agli architetti e agli operatori di settore, anche un pubblico non specializzato ha seguito con attenzione gli appuntamenti in programma. Oltre 1000 persone hanno partecipato ai vari incontri all’interno dello stand.

“Gli interventi di Michelangelo Pistoletto e Mario Botta sono stati i più seguiti” ha precisato Bussone. L’attenzione, tuttavia, è stata a 360°: dai giardini urbani alla riorganizzazione dei paesaggi della provincia di Torino fino alla rinascita dei borghi alpini come quello di Ostana, in valle Po, e al rilancio del Forte di Exilles: quest’ultimo progetto vede coinvolta la Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura in collaborazione con il Museo Diocesano di Susa, il Piano Valorizzazione Tesori d’Arte della Valle di Susa, il Comune di Exilles, l’Unione Comune Alta Valle di Susa.

Sunday Poets: laureati i nuovi poeti del concorso Salone-La Stampa

Il concorso di poesia Sunday Poets indetto dalla Stampa e dal suo inserto Tuttolibri sul tema Il futuro un nuovo inizio ha visto quattro vincitori, che si sono imposti sugli oltre 8.000 scritti pervenuti: si tratta di Marco Ferrari, Lucia Vianello, Alberto Artom e Mauro Bellinazzi a cui si è aggiunta Bruna Rubini premiata dalla giuria dei lettori. Cinque poeti non professionisti che svolgono i mestieri più disparati e che si sono accostati alla letteratura da tempo senza essere peraltro mai stati selezionati da alcun premio.

Marco Ferrari, che è stato premiato per Mediterraneo anime naufraghe, di mestiere fa il mugnaio ed la partecipazione al concorso gli ha permesso di tirare fuori dal cassetto i suoi componimenti. Il secondo lavoro premiato è quello di Lucia Vianello, maestra elementare, intitolato La formica: il testo è stato particolarmente apprezzato per la sua semplicità e la sua sottigliezza intellettuale. La Vianello fa anche parte di un gruppo di lettura di Padova, che ha insistito affinché lei spedisse la sua poesia.

Alberto Artom, medico di Pietra Ligure, ha scritto Hammet ispirato ad un film di Wim Wenders e ha definito il suo legame con la poesia come una catarsi rispetto ad una forte emozione. Infine 39 chilogrammi di Mauro Bellinazzi è piaciuto per la sua intensità così come Pompei dell'architetto Bruna Rubini premiato dai lettori della Stampa.it che hanno votato on line tra le 20 poesie finaliste.

La giuria era composta da Alessandra Iadicicco, Mario Baudino, Bruno Ventavoli, curatore di Tuttolibri, e dal presidente Maurizio Cucchi, vincitore dei premi Bagutta, Mondello e Viareggio. Cucchi ha commentato: "Tra gli 8 mila testi pervenuti c'è di tutto: in alcuni manca la consapevolezza di che cosa voglia dire scrivere poesie, che sia necessariamente compiere un gesto d'arte, in altri si riscontra la scarsa lettura degli autori contemporanei. Credo sia molto utile a chi scrive conoscere la poesia contemporanea". Mario Calabresi, direttore della Stampa, presente all'incontro ha spiegato: "Abbiamo riscontrato una partecipazione altissima e questo concorso è servito a dar voce alla gente comune”.

A giugno la raccolta delle 20 poesie finaliste e delle 80 degne di menzione diventeranno un e-book che sarà messo in vendita su Amazon e il cui ricavato sarà devoluto in beneficenza a Specchio dei Tempi.

Un caffè per la Ricerca

Sono oltre 3.000 i caffè Lavazza erogati a sostegno della ricerca della Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro di Candiolo. Al Salone si poteva fare del bene anche con un semplice gesto come quello di prendere un caffè, con il "Caffè per la ricerca" che sostiene la ricerca contro il cancro dell'Istituto di Candiolo, grazie alla collaborazione con Lavazza e Valmora. Nei cinque giorni dell’evento sono stati oltre 3.000 i caffè degustati dai visitatori del Lingotto negli spazi della Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro. La Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro è infatti Charity Partner della XXVIII° edizione del Salone Internazionale del Libro ed era presente nel Padiglione 2 di Lingotto Fiere in due spazi contigui, al Caffè Letterario firmato Guido Gobino e allo stand Rotary International con Tieni sveglia la Ricerca.

Torino, la città del libro

Torino la città del Libro

Fondazione Circolo dei lettori

Fondazione Circolo dei lettori

Regione Piemonte

Regione Piemonte

Città di Torino

Città di Torino

Compagnia di San Paolo

Compagnia di San Paolo

Fondazione CRT

Fondazione CRT

MIBAC

MIBAC

Centro per il libro e la lettura

Centro per il libro e la lettura

Associazione delle fondazioni di origine bancaria del Piemonte

Fondazioni bancarie Piemonte

ITA

ITA

Fondazione Sicilia

Fondazione Sicilia

Fondazione con il sud

Fondazione con il sud

salone internazionale del libro torino

Salone Libro s.r.l. - p.iva/c.f. 12057500014 - Via Santa Teresa, 19 - 10121 Torino - Telefono +39 011 19700801