"Giorni di fuoco" è un libro scritto tra il crepitare delle mitragliatrici e i colpi sordi dei mortai, un resoconto in presa diretta delle tante, eroiche, e spesso sconosciute imprese, che consentirono ai partigiani di concludere vittoriosamente la loro lotta per la giustizia e la libertà.

Perchè consigliare questo libro per la giornata della Liberazione d'Italia? Si tratta di un classico scritto da un grande scrittore, già vincitore del premio Viareggio, e lui stesso partigiano: l'unico libro che affronta il tema delle battaglie campali compiute dai partigiani, a fronte di una pubblicistica in genere concentrata sul tema della "guerra di guerriglia", le azioni mordi e fuggi.