Desy Icardi, La ragazza con la macchina da scrivere

Sin da ragazza, Dalia ha lavorato come dattilografa, attraversando il ventesimo secolo sempre accompagnata dalla sua macchina da scrivere portatile, una Olivetti mp1 rossa. La macchina da scrivere ha percorso con Dalia gli anni dell’ascesa fascista, il secondo conflitto mondiale, il dopoguerra, sino a giungere agli anni Novanta, quando le macchine da scrivere stanno cadendo in disuso e l’ormai anziana dattilografa viene colpita da un ictus che, pur non rivelandosi letale, offusca parte della sua memoria. I ricordi di Dalia non si sono tuttavia dissolti, essi sopravvivono nella memoria tattile dei suoi polpastrelli, dai quali possono essere liberati grazie al contatto con i tasti della sua Olivetti rossa.

Perché è il libro giusto da leggere in vacanza?

Divertente e di grande intrattenimento è la storia di Dalia e della sua Olivetti rossa, una storia che attraversa tutto il secolo: dal fascismo all'occupazione tedesca, dalle persecuzioni contro gli ebrei  ai bombardamenti su Torino durante la guerra, fino ad arrivare ai giorni nostri, La ragazza con la macchina da scrivere è una lettura insolita e appassionante.