Viola è innamorata di Storm, suo compagno di classe. Ma non è per nulla sicura che anche lui sia innamorato di lei. Il suo umore sale in alto nel cielo e poi precipita; la felicità più assoluta, e il pensiero degli occhi di lui, si alterna a tristezze tempestose e delusioni tremende. Tra passeggiate nel bosco e lezioni a scuola, mille riflessioni diverse su amore e sesso, sentimenti ed emozioni, biologia e scoperte. Perché l’amore, alla fine, trova sempre la sua strada verso il sereno.

Storm che si fa chiamare così perché suona la batteria come una tempesta, è innamorato di Viola,ma non sa bene come dichiararsi. E se poi fa la figura dello scemo? E cosa diranno gli amici? E perché l’amore è così complicato? Tra filosofi battaglieri, fantasie ardite e genitori innamorati, ecco che Storm continua a pensare, pensare, pensare, a Viola…

Perchè è il libro adatto a questo tema? Innamorarsi ed essere riamati è bellissimo. Ma a volte ci possono essere fraintendimenti. E soprattutto ci sono le paure: quella di non essere abbastanza belli, interessanti e di non essere affatto guardati. Ci sono i desideri, anche quelli dei corpi delle ragazze e dei ragazzi. Questo libro è un inno all’amore, quello bello, dove ci sono due voci e due vissuti: quello di Viola e quello di Storm, che sono circondati, per fortuna, da adulti sereni e rispettosi, che già sanno le tempeste amorose!