Nel risveglio mattutino gli abitanti di RolloPine si accorgono di essere stranamente privi di uno dei cinque sensi. La piccola Ada non vede più nulla, come se giocasse a mosca cieca. Suo fratello Elio non ha più la Bocca: come farà a mangiare i RolloDolci? A poco a poco si scopre che l’intera comunità è senza uno dei cinque sensi… un vero pasticcio! Dove sono finiti Occhi, Nasi, Bocche, Mani e Orecchie? Immediatamente scatta l’unione solidale verso il superamento delle difficoltà: in famiglia, a scuola, tra le strade della città. E grazie al lavoro dell’inventore Filippo si riuscirà a scoprire la “formula del buon vivere” e a risolvere il mistero.

Perché è il libro giusto da leggere in vacanza? "La scomparsa dei cinque sensi" è il primo volume dei “Misteri a RolloPine”, una collana di libri formativi ed educativi. Gli ingredienti ci sono tutti: si parla infatti di sentimenti e pensieri positivi, di disabilità, di aiuto reciproco, del valore della convivenza e del lavoro di squadra. Il tutto condito da un velo di mistero e da una scrittura divertente che affascina il piccolo lettore, coinvolto nella ricerca della soluzione di casi spinosi e intriganti. "La scomparsa dei cinque sensi" è un testo che per la narrativa tersa e la comicità anela alla prosa di Rodari. Il risultato è piacevole e arriva direttamente ai bambini a cui è rivolto.

 

Lacqua e gli SDGs 10