Arpad Weisz, ex calciatore e allenatore ungherese di origine ebraica, condusse prima l’Inter allo scudetto poi il Bologna alla conquista di due scudetti e del prestigioso Torneo di Parigi. Discriminato dopo le leggi razziali del ‘38, lasciò l’Italia e scomparve con la famiglia in un lager nazista. Di recente la sua figura è stata riconosciuta e ora egli è un simbolo della lotta contro il razzismo e l’intolleranza nello sport.

Perché consigliare questo libro per il Giorno della Memoria?

La graphic novel permette ai ragazzi non solo di immedesimarsi meglio nel periodo storico, ma anche di assimilare con maggiore attenzione quelle che erano le usanze e i costumi. La storia di Weisz è stata riscoperta solo recentemente e unisce la passione sportiva alla tragedia dell'Olocaustro. Si riporta l'attenzione al razzismo e all'intolleranza nello sport che ancora oggi affliggono la nostra società.