Un bambino che nel '38 ha 10 anni e che, a causa delle leggi razziali, non può più andare a scuola. L'infanzia durante la Seconda guerra mondiale, i bombardamenti, la fame, gli stenti, e poi, con le Quattro giornate di Napoli, finalmente la Liberazione.

Perché consigliare questo libro per il Giorno della Memoria?

Oltre all'importante valore documentario che il racconto di uno degli ultimi testimoni contiene in sé, il libro è rivolto nello specifico a un pubblico di ragazzi, ed è corredato da schede sui momenti salienti del fascismo e della Seconda guerra mondiale, sulla persecuzione razziale in Italia e Germania, su episodi e personaggi citati.