Il giorno del suo ottantacinquesimo compleanno Miriam sente finalmente la necessità di confessare alla nipotina una storia finora tenuta nascosta: quella di Malika, una ragazzina rom che sopravvive ai campi di concentramento fingendosi ebrea e infilando i vestiti di una coetanea morta durante il viaggio da Auschwitz a Ravensbrück.

Perché consigliare questo libro per il Giorno della Memoria?

Con questa storia Majgull Axelsson affronta con rara delicatezza e profonda empatia uno dei capitoli più dolorosi della storia d’Europa e il destino poco noto del fiero popolo rom, che osò ribellarsi con ogni mezzo alle SS di Auschwitz.