Colson Whitehead,  La ferrovia sotterranea

Nella Georgia della prima metà dell’Ottocento, la giovane schiava nera Cora decide di tentare la fuga dalla piantagione di cotone in cui vive in condizioni disumane, e comincia un arduo viaggio verso il Nord e la libertà. Unica opera degli ultimi vent’anni a vincere sia il National Book Award che il Premio Pulitzer, La ferrovia sotterranea è già destinata a diventare un classico.

Perché è il libro giusto da leggere in vacanza?

Perché racconta una storia avventurosa e avvincente, capace di farci interrogare sull’eterna brutalità del razzismo e su cosa significhi essere umani.