Abbiamo appreso con dolore della scomparsa dello scrittore, e amico, Luis Sepúlveda.
Lo salutiamo con le parole del nostro direttore Nicola Lagioia:

Con Luis Sepúlveda (Lucho, come lo chiamavano gli amici) se ne va un pezzo di famiglia allargata del Salone del Libro. L'ultima volta che ci siamo visti è stato lo scorso maggio, e prima ancora a novembre. Questo per dire che Sepúlveda è stato un grande amico della nostra manifestazione.

Il nostro abbraccio va a Carmen, sua moglie, a Luigi Brioschi, Paola Avigdor e tutto l'eccezionale gruppo di lavoro di Guanda, la casa editrice di Sepúlveda in Italia, a Ilide Carmignani, traduttrice e grande amica di Sepúlveda da molti anni. Ai romanzi, alla letteratura favolistica, si aggiunge il ricordo del suo impegno. Non gli sembrava che l'America Latina stesse facendo passi avanti per ciò che riguarda la giustizia sociale, il progresso democratico e la difesa dei diritti civili. Non gli sembrava che passi in avanti li stesse facendo l'Europa.

Addio Lucho da tutto il gruppo di lavoro del Salone del Libro. Ti porteremo sempre con noi.