Le catastrofi ambientali condizionano da sempre l'esistenza umana. Nel 1850 gli antenati di Amitav Ghosh furono costretti ad abbandonare, nel Bangladesh, la propria casa a causa dell’esondazione di un fiume.

Oggi, con lo sfruttamento indiscriminato delle risorse naturali, l'uomo ha smesso di subirle e ha cominciato a provocarle. La letteratura ne parla ancora poco, ma gli effetti della crisi climatica sono davanti agli occhi di tutti, basta saper imparare a riconoscerli.

Amitav Ghosh è nato a Calcutta nel 1956, ha studiato a Oxford e attualmente vive tra la sua città natale e New York. Considerato «uno dei più grandi scrittori indiani» (la Repubblica) ha pubblicato: e Il paese delle maree (2005), e Circostanze incendiarie (2006), e Il Palazzo degli specchi (2007), e Mare di papaveri (2008), e Il cromosoma Calcutta (2008), e Lo schiavo del manoscritto (2009), e Diluvio di fuoco (2015) e e La grande cecità (2017).