Le novità del Salone 2022

Il Salone e la sostenibilità

Raggiungere un obiettivo impone responsabilità e impegno. Per raggiungerne 17, quanti sono gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, occorre avere strumenti di navigazione: il Salone del Libro continua a selezionare temi e incontri attraverso la lente degli obiettivi dello sviluppo sostenibile, offrendo al proprio pubblico una mappa e una bussola per orientarsi con consapevolezza.

Verranno evidenziati gli eventi più importanti, compresi quelli del Salone Off, legati all’Agenda 2030 grazie alla collaborazione con le Università: ALTIS Alta Scuola Impresa e Società dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, Università del Piemonte Orientale, Green Team del Politecnico di Torino, RUS Rete delle Università per lo Sviluppo Sostenibile.
Il Salone del Libro avverte su di sé la responsabilità di agire come soggetto promotore della cultura della sostenibilità, in grado di stimolare e coinvolgere il proprio pubblico, e di generare una “legacy”, per consegnare in eredità quel patrimonio immateriale fatto di conoscenze, idee, stimoli ad approfondire. Il Salone non poteva dunque che assumere un impegno di forte valore etico e morale con l’iniziativa Casa della Pace, in rappresentanza dell’obiettivo 16 dell’Agenda 2030 “Pace, giustizia e istituzioni solide” (per creare consapevolezza e senso di responsabilità verso un bene supremo, quale è appunto la pace). La missione è implementare, attraverso azioni concrete, i valori positivi che sono indispensabili per creare un futuro sostenibile come: tradurre la maggior parte delle conferenze nella lingua dei segni (LIS) per permettere anche ai non udenti la condivisione di idee e conoscenze (obiettivo 10); favorire la collaborazione tra i soggetti erogatori di formazione, scuole e università, per creare e sfruttare la rete del sapere (obiettivo 17); promuovere attraverso lo sport i valori di inclusione, uguaglianza e coesione grazie al sostegno di Esselunga, (obiettivo 5); incentivare la mobilità sostenibile, sia per il pubblico che per gli espositori, attraverso convenzioni con Leasys Rent in qualità di Mobility Partner, Trenitalia Official Carrier, ShareNow Car Sharing Partner, ToBike (obiettivo 11); valorizzare il territorio attraverso tutti gli appuntamenti del Salone Off, ospitato quest’anno anche dalla sede Italgas che si apre alla città (obiettivo 9); sostenere l’economia circolare grazie alla collaborazione con Humana per raccontare al meglio la filiera degli abiti usati e gli importanti impatti sociali e ambientali che ne derivano (obiettivo 12); affrontare i temi legati alla tutela del pianeta e degli ambienti più fragili, a partire dalla montagna che sempre più spopolata perde un ruolo di fondamentale importanza nell’equilibrio dell’ecosistema (obiettivo 15); diffondere idee, abitudini positive e temi legati a questioni ambientali, sociali ed economiche, grazie alla partnership strategica con la BCorp torinese AWorld, che ha sviluppato l’app ufficiale della campagna ONU ActNow contro il cambiamento climatico per guidare le persone verso uno stile di vita sostenibile e ne misura l’impatto (obiettivo 13).
Inoltre, in accordo con la Città di Torino, il Salone sta studiando delle soluzioni per il parcheggio delle bici al Lingotto, in modo da incentivare la mobilità sostenibile.
In linea con gli obiettivi 4 e 5, che puntano ad offrire un’istruzione di qualità e l’inclusione della popolazione di tutte le fasce d’età e in ogni condizione sociale, il Salone sta lavorando a convenzioni con diversi soggetti tra cui il Progetto Pass60 della Città di Torino, Servizio Sport e Tempo libero, l’Università della Terza età del Piemonte e l’Associazione Abbonamento Musei per agevolare economicamente l’ingresso in fiera a tutti gli abbonati e permettere al maggior numero possibile di persone di vivere e condividere il Salone 2022.
Alla Casa della Pace troverà accoglienza anche il progetto sociale Lettura 2030, con uno spazio di raccolta dedicato ispirato ai temi dell’Agenda 2030, ideato dal Salone Internazionale del Libro di Torino insieme alle Biblioteche Civiche Torinesi. Espositori, editori, librerie, lettori, visitatori potranno lasciare in dono uno o più titoli tra le novità editoriali 2021 e 2022 di narrativa per adulti, bambine e bambini, ragazze e ragazzi, acquistati al Salone, che saranno successivamente “liberati” nelle biblioteche, nelle scuole, nelle carceri e negli ospedali, non solo di Torino, ma di anche in città italiane, in cui maggiore è la necessità di occasioni di lettura. Il punto raccolta Lettura 2030 accoglierà in dono anche libri in lingua ucraina, tedesca e russa, che saranno distribuiti ai cittadini in fuga dalla guerra, per poter permettere loro di trovare in romanzi scritti nelle loro lingue occasioni per sentirsi meno soli.
Infine, per gli amici della borraccia, nei padiglioni del Salone, non potevano mancare le fontanelle dell’acqua collegate alla rete dell’acquedotto, realizzate in collaborazione con SMAT, per fornire ai visitatori acqua a km0 e sollecitare l’attenzione sull’obiettivo 6 dello Sviluppo Sostenibile.