22 maggio, Ore 14:00-15:00

Da Kharkiv un libro italiano-ucraino per costruire ponti

Sala Gialla, PAD 2
In collaborazione con
Il Castoro e Refugees Welcome Italia

I libri e le lingue possono creare ponti in tempi così fragili e drammatici. È il caso di "Il custode del bosco" dell’editore ucraino Ranok di Kharkiv, pubblicato in doppia lingua, per favorire l’incontro e la conoscenza tra i bambini italiani e i bambini ucraini nelle rispettive lingue. Servono strumenti per abbattere le distanze e tessere relazioni e libri come questo possono farlo, nelle scuole o nelle case che accolgono famiglie, soprattutto donne e bambini, in fuga dall'Ucraina. Un incontro per parlare di accoglienza, con storie e testimonianze di chi si occupa di integrazione in questi tempi di guerra. Il ricavato del libro è destinato a Refugees Welcome Italia.

La presenza confermata di Iryna Yezhela, editrice di Ranok che aveva sede a Kharkiv, porterà una testimonianza preziosa e diretta sulla loro vita da editori indipendenti in tempi tanto drammatici e di come siano riusciti a resistere, fuggiti da Kharkiv, portando avanti il loro lavoro in tempo di guerra.

Parte di